Piscine semipubbliche: cosa sono?

slide show principale HP copia 2

Una delle più comuni distinzioni per le piscine è in base alla loro destinazione d’uso, se pubblica o privata. Si tratta di una categorizzazione necessaria soprattutto ai fini della Legge. Infatti, la normativa prevede misure di sicurezza e igiene diverse a seconda che l’impianto sia destinato ad uso comunitario piuttosto che l’utilizzo sia limitato ad una singola famiglia.

Le piscine semi pubbliche

Tra le strutture private e quelle pubbliche esiste una categoria intermedia, le piscine semipubbliche. Si tratta di quelle strutture adibite ad uso condominiale o istallate all’interno di impianti turistico ricettivi.

Che cosa cambia?

Nel progettare e istallare una piscina semipubblica, bisogna innanzitutto tenere presente che verrà utilizzata da tipologie di bagnanti molto diversi tra loro, sia come età che come usi ed abitudini. I più piccoli vorranno giocare e divertirsi, qualche sportivo la userà per allenarsi, e poi, ci saranno quelli che vorranno rilassarsi e godersi le belle giornate in tutta tranquillità. Ecco perché nella fase di ideazione di una struttura semipubblica è importante considerare tutti questi aspetti e prevedere una vasca multifunzionale e versatile. Ad esempio, considera di differenziare le profondità, una ad altezza bambino e una decisamente più alta per chi desidera cimentarsi nei tuffi.

Igiene e sicurezza

Nella costruzione di una struttura semipubblica, igiene e sicurezza vanno messi al primo posto. Non solo perché la Legge è molto più severa e restrittiva in questo caso, ma anche perché in un impianto molto frequentato, germi e batteri proliferano in quantità maggiore. È quindi indispensabile una corretta pulizia e disinfezione della piscina.

Innanzitutto, in fase di progettazione, scegli un sistema di filtrazione adeguato, valido e di qualità, e accertati che sia proporzionato all’ampiezza della vasca per assicurare una depurazione profonda e completa. Non sottovalutare, poi, il trattamento dell’acqua, i cui parametri dovranno essere bilanciati più spesso rispetto a quelli di una piscina privata. Per una misurazione e un dosaggio precisi e puntuali, ti conviene affidarti ad una centralina automatica, così non corri rischi di sbagliare le quantità e di causare irritazioni e problemi ai bagnanti.

Per la pulizia quotidiana dell’impianto, invece, pensa a qualche soluzione automatizzata. Visto lo sporco che si depositerà sul fondo e sulle pareti a causa dei numerosi bagnanti, forse l’azione manuale non è sufficiente e comunque richiederebbe troppo tempo. I pulitori automatici sono la scelta ideale, puliscono in poche ore l’intera superficie e offrono una prestazione ottima in termini di risultato.

Infine, per aiutarti a mantenere la struttura pulita e in buono stato e per garantire una maggiore sicurezza soprattutto ai più piccoli e agli animali domestici, la copertura è un accessorio indispensabile di cui la piscina non può fare a meno.

I confort che fanno la differenza

In una piscina semipubblica tieni presente che alcuni accessori, per quanto ti sembrano secondari, non possono mancare. Il riscaldamento è uno di questi. Fare il bagno nell’acqua ghiacciata non ha mai fatto piacere a nessuno! Un sistema per scaldare l’impianto ti permette di regalare ai tuoi clienti un tuffo piacevole e di prolungare la stagione di utilizzo della struttura.

Altre componenti che possono fare la differenza e che quindi dovresti prendere in considerazione sono l’idromassaggio, da sempre apprezzato a tutte le età, il trampolino, per gioco e divertimento, le docce solari, un ulteriore comfort per i tuoi clienti, la scala romana per un’entrata agevole e sicura.

 

Se sei interessato a scoprire di più sulle piscine semipubbliche, puoi rivolgerti al concessionario di Rete Piscine più vicino per un preventivo gratuito.

Fasi costruttive di una piscina interrata a skimmer

Contemporanea_laguna c&c2

L’ultima generazione di piscine prefabbricate a skimmer è la soluzione ideale per chi desidera da tempo una struttura interrata. Questi impianti, infatti, offrono qualità, funzionalità e impatto estetico ad un giusto prezzo. I pannelli autoportanti in acciaio garantiscono un’ottima resistenza al tempo e all’usura e una volta montati abbisognano di poca manutenzione, riducendo al minimo le spese di gestione.

Le piscine in acciaio hanno tempi di montaggio veramente rapidi, grazie alla loro struttura prefabbricata si istallano con facilità e agevolezza su tutti i tipi di terreno senza richiedere grossi interventi edili. Così, potrai vedere istallato una piscina interrata nel tuo giardino in modo veloce e senza alcuno stress per te!

Istallazione di una piscina interrata a skimmer

Fase preliminare

La costruzione della piscina ha inizio con la predisposizione del terreno su cui la struttura verrà istallata. Per prima cosa, bisogna scegliere la posizione e tracciare il perimetro dell’impianto sul suolo. Dopodiché si effettua lo scavo, tenendo conto della profondità prescelta e si posizionano i blocchi di calcestruzzo che sono la base su cui far poggiare il pannelli d’acciaio.

Costruzione della struttura

Il passo successivo consiste nell’installare i pannelli in acciaio innervato totalmente autoportanti. A questi vengono affiancati dei montanti anch’essi in acciaio detti contrafforti, che hanno la funzione di sostenere e rinforzare la struttura. Si procede, quindi, con il fissaggio dei pannelli attraverso viti e bulloni. Grazie alle nuove tecniche costruttive, infatti, non serve alcuna saldatura! Questo permette di evitare punti deboli e ossidazioni antiestetiche che si creano con il tempo e l’usura.

A completamento della struttura si applica uno strato di poliestere armato, che aderisce perfettamente ai pannelli, rendendo omogenee le pareti e isolando l’interno dal terreno.

Installazione dell’impianto di filtrazione

L’istallazione dell’impianto di filtrazione è un passaggio cruciale e delicato. Si procede posizionando tutti gli elementi che servono al ricircolo e alla depurazione dell’acqua, a cominciare dagli skimmer lungo le pareti della piscina per finire con le pompe e i filtri. Si predispone quindi il locale tecnico in cui alloggerà il cuore della parte idraulica e per concludere si assemblano le tubazioni necessarie per portare l’acqua dall’impianto alla piscina e viceversa.

Completamento della struttura e finiture

Quando la fase idraulica è conclusa, si passa al completamento della struttura e alle finiture. Vengono posizionati dei blocchi di calcestruzzo, chiamati lastrini, a distanza di circa un metro e mezzo l’uno dall’altro. Questi rinforzi hanno una doppia funzione, quella d’irrobustire ulteriormente le pareti e quella di sostenere la pavimentazione e il bordo. Si passa a mettere la soletta di calcestruzzo che livella l’interno piscina e il cordolo esterno che protegge dalle pressioni del terreno la struttura, a questo punto si può procedere con il rinterro.

Ora la struttura è conclusa e si sistemano le rifiniture: il rivestimento in pvc, a mosaico o in tinta unita, eventuali accessori esterni, come trampolini e docce solari, la pavimentazione del solarium e il bordo vasca presagomato.

Se sei interessato ad una piscina interrata a skimmer, puoi rivolgerti al concessionario di Rete Piscine più vicino per un preventivo gratuito.

Piscine Fuori Terra Garden Leisure®

Octoo07_questa SI

Le piscine fuori terra sono la soluzione ideale per chi desidera una struttura privata, ma per qualche ragione non vuole istallare una soluzione permanente nella sua abitazione. Gli impianti fuori terra offrono un perfetto compromesso se non hai molto spazio in giardino o se vivi in una casa che non è di tua proprietà, ma anche se preferisci una struttura più snella, facilmente rimovibile.

Oggi, esistono innumerevoli modelli di piscine fuori terra. Sono realizzati con diversi materiali per soddisfare i gusti di una clientela molto varia e vengono curati nella forma e nel design per integrarsi al meglio nell’ambiente circostante. Da quelli più funzionali e pratici, in PVC, a quelli più eleganti e raffinati in legno, troverai sicuramente l’impianto che incontra le tue esigenze.

Se sei alla ricerca di una struttura che coniughi funzionalità ed estetica, che sia di piacevole impatto visivo, curata nelle rifiniture, ma allo stesso tempo comoda da utilizzare, i modelli in legno fanno il caso tuo.

La linea GARDEN LEISURE®

Gli impianti di questa linea offrono un ottimo rapporto qualità-prezzo, sono versatili e si adattano perfettamente a qualsiasi giardino. I modelli associano praticità e cura nelle rifiniture e nei dettagli, per offrirti un risultato di valore sia estetico che funzionale. Ideali se non vuoi una soluzione definitiva, sono pensati apposta, infatti, per essere montati con estrema facilità e senza creare problemi.

Se cerchi una struttura per il divertimento e il relax di tutta la famiglia, allora prova a dare un’occhiata alle proposte della Linea GARDEN WOOD. Totalmente realizzate in legno, sono disponibili sia in versione ottagonale che ovale e offrono un risultato caldo, confortevole e gradevole, perfetto per chi vuole creare un’area personale e intima nella propria abitazione. Con le piscine della linea GARDEN WOOD puoi contare su una struttura robusta e resistente, che non teme le intemperie, gli urti e i giochi scatenati dei più piccoli.

Come è fatta la linea GARDEN WOOD?

Gli impianti di questa linea hanno una solida struttura in pino trattato con autoclave classe IV. Lo spessore di 4,5 centimetri dei pannelli assicura un’elevata resistenza agli urti e alle pressioni. Il tutto è poi rinforzato agli angoli con placche metalliche spesse 3 millimetri che aumentano la tenuta e proteggono le estremità.

Il rivestimento interno è costituito da liner blu spesso 0,50 millimetri, sottoposto ad uno specifico trattamento che lo rende resistente ai raggi UV. Assieme alla struttura, sono anche compresi una scaletta in acciaio inox con gradini in PVC antisdrucciolo, alta 1,40 e un monoblocco di filtrazione a sabbia comprensivo di carico filtrante.

La linea GARDEN WOOD è ideale per chi cerca una piscina fuori terra per tutta la famiglia, e vuole una soluzione funzionale ma al contempo di notevole impatto estetico. I modelli, infatti, coniugano praticità e cura nel design e nei dettagli, garantiscono un’ottima resistenza alle intemperie e all’usura e si montano veramente velocemente.

Se sei interessato ad uno degli impianti della linea GARDEN WOOD, puoi rivolgerti al concessionario di Rete Piscine più vicino per un preventivo gratuito.

Fasi costruttive di una piscina interrata a sfioro

 

green liberty classic

Grazie alle moderne tecniche di costruzione e ai materiali all’avanguardia, oggi, realizzare una piscina interrata è semplice e veloce. Le ultime strutture a pannelli autoportanti in acciaio, infatti, sono completamente prefabbricate, quindi costruite e collaudate in azienda. Questo ha un doppio vantaggio: consente di ridurre al minimo i lavori edili richiesti per l’istallazione e accelera invece i tempi di montaggio.

Questi impianti non assicurano solo un’ottima resistenza al tempo e all’usura, ma sono anche perfettamente rifiniti e di grande impatto visivo. In particolare nelle piscine con sistema a sfioro, in cui l’acqua raggiunge il bordo vasca e regala quell’effetto naturale in sintonia con l’ambiente circostante.

Come si costruisce una piscina interrata a sfioro?

Predisposizione della struttura

Questa fase include tutte quelle operazioni che servono a predisporre l’area su cui l’impianto sorgerà. Si tratta di scegliere la posizione e tracciare il perimetro con la forma desiderata. Successivamente, si procede con lo scavo secondo il fondo prescelto e al posizionamento dei blocchi di calcestruzzo, che servono da base alla struttura.

Costruzione e istallazione

A questo punto, vengono montati i pannelli autoportanti sui blocchetti precedentemente posati e sistemati dei montanti in acciaio, chiamati contrafforti, che servono a sostegno della struttura.  La pannellatura viene poi fissata e imbullonata, senza bisogno di essere saldata.

Questa fase si conclude con l’applicazione di un pannello interno di rivestimento in vetroresina, che serve a rendere le pareti omogenee e ad isolare la struttura dal terreno.

Fase idraulica

È uno dei momenti più delicati nella costruzione di una piscina, in quanto si tratta di istallare il sistema di filtrazione, indispensabile per mantenere una corretta igiene della struttura.

Si procede con il predisporre accanto all’impianto il locale tecnico, che può essere in muratura o prefabbricato, e che serve ad accogliere il sistema per depurare l’acqua.

Successivamente si pensa a come l’acqua verrà raccolta dalla piscina e inviata al sistema di filtrazione: si posiziona quindi una canalina, detta bordo sfioratore, lungo il perimetro della struttura. A questo punto, per completare la parte idraulica, bisogna collegare le diverse tubazioni.

Chiusura della struttura e finiture

Prima di procedere alle finiture, il perimetro dell’impianto viene ulteriormente rinforzato con blocchi di calcestruzzo, detti lastrini, che hanno lo scopo di sostenere la pavimentazione e il bordo. La soletta in calcestruzzo per livellare il fondo e il cordolo perimetrale esterno sono gli ultimi elementi prima del rinterro.

Ora la piscina è quasi pronta, mancano solo pochi tocchi. Viene aggiunto il rivestimento in pvc, che può essere a mosaico o in tinta unita e che serve a rendere la struttura impermeabile e piacevole esteticamente. Infine, vengono inseriti eventuali accessori, come fari, trampolini, docce, bordo vasca presagomato  e pavimentazione del solarium.

L’impianto, adesso può essere finalmente riempito!

Le piscine prefabbricate in acciaio offrono un ottimo rapporto qualità-prezzo. Belle esteticamente e molto resistenti, permettono di essere istallate in tempi veramente rapidi e garantiscono una lunga tenuta negli anni senza necessitare di grandi manutenzioni.

Se sei interessato ad una struttura interrata a sfioro, puoi rivolgerti al concessionario di Rete Piscine più vicino per un preventivo gratuito.

Perché acquistare una piscina fuori terra?

quartoo-big

Con l’avvicinarsi dell’estate ritorna la voglia di stare fuori all’aperto e di fare rinfrescanti bagni in piscina. Se anche tu desideri da tempo un struttura privata di cui poter disporre in tutta tranquillità e in compagnia dei tuoi cari, ma per diverse ragioni non ti sei mai deciso all’acquisto di una piscina interrata, una piscina fuori terra forse fa il caso tuo.

Se una volta, erano considerati impianti di seconda scelta, oggi le cose sono cambiate. Grazie all’utilizzo di materiali molto resistenti e di nuove tecniche di costruzione, gli ultimi modelli fuori terra riescono a coniugare perfettamente qualità e funzionalità.

Perché scegliere una piscina fuori terra

La scelta di una struttura fuori terra rispetto ad una interrata dipende principalmente dalle esigenze personali di spazio e di budget. Le prime garantiscono alcuni vantaggi non indifferenti che possono rendere possibile l’istallazione di un impianto dove altrimenti non lo sarebbe.

Ecco alcuni casi in cui la scelta di una piscina fuori terra rappresenta la soluzione ideale:

  • Per chi dispone di poco spazio e non vuole privarsi del giardino;
  • Per chi è in affitto e non vuole o è impossibilitato a svolgere modifiche permanenti;
  • Per chi non vuole fare un grande investimento e ha disposizione un budget limitato.

Se non desideri rinunciare al piacere di un bagno in tutta tranquillità, ma non ti piace l’idea di affrontare troppi lavori e spese, allora questa è la scelta giusta per te. Una struttura fuori terra ha prezzi più contenuti rispetto ad una interrata, si istalla in tempi rapidi e può essere facilmente smontata. Inoltre non necessita di scavi o basamenti in cemento, l’unico intervento che può richiedere è un livellamento del terreno su cui sorgerà.

Quale piscina fuori terra scegliere

Busatta propone soluzioni di grande qualità e pregio ad un giusto prezzo. I nostri impianti vengono realizzati con materiali di prima scelta e curati nelle rifiniture e in ogni dettaglio. È possibile scegliere tra diversi modelli, tutti eleganti, funzionali e facilmente integrabili in qualsiasi ambiente.

Le nostre linee sono:

  • Legno Garden Leisure: ideale per il divertimento e il relax di tutta la famiglia e per chi cerca un ottimo rapporto qualità-prezzo. Disponibile in forma ovale o ottagonale, questa struttura fuori terra è pratica ed esteticamente piacevole, facile da montare e smontare ad ogni evenienza.
  • Legno GardiPool: questa linea coniuga funzionalità ed eleganza, e offre un’ampia varietà di scelta nella forma e nelle dimensioni. La struttura di queste piscine è molto robusta, realizzata in Pino Rosso e rinforzata con barre di acciaio inox. Il legno viene, poi, trattato con un impregnante che ne garantisce la resistenza all’usura e agli agenti chimici. Perfetta se vuoi optare per un prodotto di forte impatto estetico.

Per chi da tempo desidera un impianto privato, la piscina fuori terra può essere la risposta che cercava, facile da istallare e da adattare ad ogni situazione. Esiste veramente una vasta gamma di modelli, versatili e raffinati o pratici e funzionali, che vengono incontro ad ogni tua esigenza e bisogno, non resta che scegliere!

Giochi ad acqua: il divertimento per grandi e piccini

HiverBis_2011

Oggi la piscina è diventata sinonimo di benessere e di relax per un numero crescente di famiglie. Istallare una piscina in casa non rappresenta solo uno status symbol, ma un investimento in grado di migliorare la qualità del tempo speso con i propri cari.

La piscina, dunque, diventa sempre più un luogo unico e personalizzato, fatto su misura, in grado di venire incontro ai diversi gusti ed esigenze delle persone che la utilizzano. Sono molti i proprietari che, oltre alla semplice piscina, decidono di istallare accessori legati al divertimento e al benessere.

Di componenti aggiuntivi ce ne sono veramente tante e la scelta è molto vasta, si va dagli idromassaggi alle docce solari, dai trampolini ai giochi d’acqua. Questi ultimi, poi, piacciono proprio a tutti! Ideati per il gioco dei bambini e per il relax degli adulti mettono d’accordo ogni fascia d’età e rendono il tempo trascorso assieme ancora più piacevole.

E tu che gioco d’acqua vuoi?

  1. Fontane e cascate: se i più piccoli le adorano perché non vedono l’ora di tuffarcisi sotto, per i più grandi questi getti d’acqua possono avere una funzione curativa. Ad esempio, esiste una fontana con il getto a lama molto utile per massaggiare il collo e le spalle.
  2. Funghi: il getto d’acqua esce da un’apposita struttura metallica a fungo. Fatti apposta per le vasche dei bambini, sono piacevoli anche per gli adulti.
  3. Cannone: struttura in grado di produrre un getto potente e preciso, molto divertente per i ragazzi, all’occorrenza può tornare utile anche agli adulti, per sciogliere i muscoli della schiena e delle spalle.
  4. Zampilli: piccoli getti d’acqua perfetti per la piscina ma anche per il solarium, per rifrescarti mentre stai prendendo il sole.

Se sei interessato ai giochi d’acqua, puoi rivolgerti al concessionario di Rete Piscine più vicino per un preventivo gratuito.

Buon divertimento!

 

Piscine a sfioro: caratteristiche e costruzione

               slide show principale HP copia

La piscina a sfioro è una delle soluzioni top per quanto riguarda le piscine interrate. Grazie al particolare sistema di raccoglimento dell’acqua, riesce a coniugare il massimo dell’estetica ad una perfetta funzionalità.

Se ti stai chiedendo quale sia la cifra da capogiro che bisogna sborsare per averne una in giardino, la risposta è: più bassa di quanto puoi immaginare! Oggi, le vasche a sfioro sono più accessibili, grazie ai nuovi materiali e a tecniche di costruzione all’avanguardia che permettono di ridurre i costi e di facilitare l’istallazione.

Le caratteristiche di una piscina a sfioro

Questa tipologia di piscine è famosa per il particolare effetto estetico “a specchio”, dato dal livello dell’acqua che raggiunge il bordo vasca comprendo totalmente le pareti e sbordando oltre la soglia. Il risultato è più bello rispetto alla tipologia a skimmer e anche più comodo all’utilizzo.

Il livello dell’acqua a bordo vasca è reso possibile dall’impiego di una canalina, collocata lungo tutto il perimetro, detta bordo sfioratore, che serve a raccogliere l’acqua traboccante e ad inviarla all’impianto di filtrazione.

La costruzione di una piscina a sfioro

La struttura di una piscina a sfioro è costituita da pannelli autoportanti in acciaio a nervature longitudinali di ultima generazione. Queste piscine prefabbricate sono tra i modelli più robusti e facili da montare oggi in commercio.

Sfruttano la resistenza dell’acciaio, rafforzato da sottili nervature, per contrastare le pressioni del terreno e dell’acqua. I pannelli sono rivestiti in zinco che li rende meno aggredibili da agenti atmosferici e chimici. Il risultato è una struttura solida che richiede poca manutenzione e garantisce una lunga durata nel tempo.

Un altro pregio di questa tipologia di piscine è la velocità e facilità di montaggio. I pezzi prefabbricati arrivano già pronti e sono, infatti, solo da assemblare, il che evita la fatica e il fastidio di compiere grossi lavori edili nel proprio giardino.

Se sei interessato ad una piscina a sfioro per il tuo giardino, puoi rivolgerti al concessionario di Rete Piscine più vicino per un preventivo gratuito.

 

 

Illuminazione per piscina: fari in fibra ottica

laminarDS2

Uno degli accessori che può veramente trasformare la tua piscina in un luogo magico è l’illuminazione. Negli ultimi anni, l’impianto d’illuminazione delle piscine è diventato sempre più importante, tanto da entrare a far parte dell’architettura della vasca e del solarium stessi. Come illuminare la piscina è diventato quindi un fattore centrale da decidere al momento dell’acquisto.

Anche in questo senso le tecnologie hanno fatto passi da gigante, sia per quanto riguarda la scelta dei materiali e le tecniche di illuminazione, sia per quel che concerne le possibilità di giochi e personalizzazioni del sistema “luci”. Ormai la luce può essere controllata e modellata a nostro piacimento e facilmente e senza grossi costi è possibile creare spettacoli unici.

Le principali lampade usate per l’illuminazione delle piscine sono: i faretti ad incasso tradizionali, i faretti a led e la fibra ottica. Quest’ultima è una delle soluzioni più all’avanguardia che esistono oggi sul mercato e rappresenta una valida alternativa sia ai faretti ad incasso che al led.

I fari in fibra ottica

La fibra ottica è sicuramente una delle ultime proposte in fatto di illuminazione per le piscine. Questo sistema fornisce un’ottima qualità estetica della luce, una vasta gamma cromatica di scelta e una grande possibilità di personalizzazione grazie alla sua flessibilità.

La fibra ottica è costituita da “fili” di vetro o materia plastica al cui interno si propaga il raggio luminoso prodotto da una lampada posta all’estremità. Si distingue in end-glow, nel caso emetta luce solo terminale, o in side glow, nel caso in cui la luce passi in tutta la lunghezza. Possono essere istallate sia su piscine esterne che interne, e sono adatte anche per un’illuminazione subacquea.

Questa tipologia di illuminazione presenta numerosi vantaggi:

  • è infrangibile,
  • non emette calore,
  • non emette raggi IR o UV,
  • non richiede manutenzione,
  • consente flessibilità e libertà di scelta per percorsi illuminati,
  • consente di creare effetti cromatici e scenografici,
  • non consuma grandi quantità di energia.

I fari in fibra ottica sono un’ottima soluzione per illuminare la tua piscina, ti consentono di risparmiare e allo stesso tempo di creare un ambiente unico e accogliente.

Piscina interna: problematiche ed inconvenienti

swimming-219874_640

Cosa c’è di meglio di potersi godere una piscina tutto l’anno? Quando le temperature si fanno rigide e entri in casa tutto intirizzito, un tuffo caldo in piscina sarebbe l’ideale.

Le piscine interne sono ideali per chi ha poco spazio in giardino o per chi voglia godere del piacere di utilizzarla per tutto l’anno, anche quando fuori nevica!

Le vasche interne sono, però, particolarmente delicate, proprio perché situate dentro l’abitazione e richiedono alcune attenzioni che è meglio conoscere se interessati ad acquistarne una.

Cosa bisogna sapere sulle piscine interne?

Se hai intenzione di istallare una piscina interna nella tua abitazione, ci sono alcuni aspetti da considerare prima dell’acquisto.

  • Dimensioni e forme prestabilite. Le piscine interne devono adattarsi allo spazio a disposizione, quindi non avrai tanta possibilità di scegliere forme o dimensioni come per le piscine esterne. Ma se ben studiata con l’aiuto di qualche esperto, la tua piscina interna potrà essere d’effetto e accogliente proprio come quelle da giardino. In questi casi, bisogna puntare sulle vetrate, sui portici chiusi e sulle forme della stanza.
  • Sistema di areazione e de-umificazione. Un aspetto da non sottovalutare assolutamente è appunto l’istallazione di un buon impianto di areazione. Serve a mantenere salubre l’ambiente, a ricambiare l’ossigeno e a creare le migliori condizioni di abitabilità per la stanza in cui si trova la vasca. Solitamente, si richiede l’intervento di un termotecnico in grado di valutare le condizioni del luogo.
  • Riscaldamento dell’acqua. Siccome la piscina è al chiuso, per riscaldare l’acqua non sarà possibile usufruire dell’energia solare, come, invece, avviene per le vasche esterne. Se vuoi usare la tua piscina tutto l’anno, dovrai, quindi, provvedere a riscaldare l’acqua! Per fortuna, oggi, molti dei sistemi di riscaldamento vasche sono attenti al risparmio energetico e all’ambiente.

Se considerati in anticipo, questi fattori vengono risolti senza creare eccessive problematiche e la tua piscina interna potrà diventare l’ambiente dedicato al divertimento e al relax che hai sempre desiderato.

Piscine fuori terra: quando e quali scegliere?

Piscina fuori terra legno

Vuoi installare una piscina nel tuo giardino e cerchi una soluzione veloce e soddisfacente con un ottimo rapporto tra qualità e prezzo? La risposta per te è la piscina fuori terra.

Le piscine fuori terra di ultima generazione sono strutture robuste, ben rifinite ed accessoriate, che si integrano perfettamente in ogni giardino. E’ la scelta ideale se vuoi godere del divertimento e del relax della piscina, ma non vuoi una struttura permanente o non vuoi affrontare pesanti lavori di costruzione per diversi motivi:

  • la casa che abiti non è di tua proprietà
  • non vuoi affrontare importanti lavori di scavo, tempi lunghi, maggiori costi e burocrazia
  • preferisci una struttura agile, rimovibile e trasportabile
  • vuoi una soluzione soddisfacente ad un costo inferiore rispetto alle interrate

La semplicità di installazione di queste piscine è dovuta soprattutto al fatto che non richiedono lavori di scavo: per piazzarle è necessario solo il livellamento del terreno o al massimo una sottile piattaforma di cemento, per questa loro caratteristica non hai bisogno di autorizzazione o concessione edilizia, anche se è sempre bene informarsi presso l’ufficio tecnico del comune.

Quale modello scegliere?

Sicuramente le piscine fuori terra in legno solo le più confortevoli ed eleganti, ma molto dipende dai tuoi gusti, dallo stile della casa e dall’uso che vorrai farne, ad esempio se intendi rimuoverla d’inverno.

Le piscine in legno sono costituite da una struttura in pino nordico, trattato in autoclave per garantire protezione dalle intemperie e dai parassiti, e rivestimento in PVC. Normalmente vengono fornite in kit contenente, a seconda dei modelli, la struttura in legno con rinforzi in acciaio, il bordo, sempre in legno, il liner, la scaletta esterna in legno e quella interna in acciaio, il sistema di filtrazione.

L’alternativa al legno sono le piscine autoportanti in resina o con tubolari di acciaio e telo in PVC oppure quelle in gomma non autoportanti. Questi modelli sono più veloci da montare e smontare e sicuramente più economici, sono però più vulnerabili di quelle in legno.

La scelta fra un modello e l’altro dipende quindi dai tuoi gusti, dalle tue esigenze e dal budget: se cerchi una soluzione semplice, ma comunque efficace, una piscina con tubolari è una scelta soddisfacente. Se cerchi anche eleganza e stile, la piscina in legno è la soluzione vincente.