Piscine interrate riscaldate

Una piscina interrata nel tuo giardino di casa è quel che ci vuole per creare uno spazio piacevole in cui divertirti e rilassarti durante le belle giornate estive. Peccato che l’estate non sia molto lunga, soprattutto al nord. Così trascorsi i mesi di luglio e agosto, l’impianto viene messo a riposo fino alla prossima bella stagione.

Se installare una struttura per poi utilizzarla due mesi all’anno ti sembra un po’ uno spreco, sappi allora che una soluzione esiste. La buona notizia, infatti, è che le piscine si possono riscaldare! In questo modo è possibile anticipare a primavera e prolungare in autunno il periodo dei bagni. L’acqua si mantiene alla temperatura desiderata, anche quando fuori fa più fresco. Immagina di tornare da lavoro, toglierti giacca e abiti e tuffarti in una vasca calda, un piacere unico che potrai concederti tutte le volte che lo desideri, se decidi di dotare il tuo impianto di un sistema di riscaldamento.

Esistono diversi metodi per riscaldare una piscina privata, tra questi uno sicuramente valido è la pompa di calore, che assicura un alto rendimento e allo stesso tempo permette un notevole risparmio energetico.

Grazie ai materiali di ultima generazione e alle tecnologie all’avanguardia, i sistemi per regolare la temperatura dell’acqua assicurano una grande resistenza agli agenti chimici utilizzati per la disinfezione e di solito particolarmente corrosivi, non producono fastidiosi rumori e sono facili e intuitivi da imparare ad utilizzare. La maggioranza di essi è dotata di centraline elettroniche di comando, che non solo agevolano la gestione, ma rendono possibile un maggiore controllo sia dei consumi, che di eventuali anomalie.

Quali sono i vantaggi di riscaldare una piscina?

Dotare una piscina esterna di un sistema di riscaldamento significa aumentare il comfort della struttura, renderla più accogliente e piacevole di quanto non lo sia già.

  • Potrai avere in ogni ora del giorno una temperatura costante di 25-28 gradi, anche nelle giornate nuvolose o quando il sole è già tramontato;
  • L’acqua non subirà più grandi sbalzi termici dovuti ad abbassamenti di temperature, e potrai godere della piscina anche nelle ore notturne;
  • Prolungherai la stagione dei bagni, che non sarà più limitata a due mesi all’anno, ma inizierà già con le prime giornate tiepide primaverili per allungarsi fino a inizio autunno.

 Consigli

Per rendere più efficace il sistema di riscaldamento della struttura e per evitare sprechi e consumi inutili ricordati che:

  • Coprire l’impianto nei momenti di non utilizzo, anche durante l’estate, aiuta a non disperdere il calore dell’acqua accumulato. Le coperture isotermiche sono ideali per questo scopo, leggere e resistenti, offrono protezione e sono facili da mettere.
  • Posizionare la piscina in un luogo strategico in cui l’esposizione del sole sia massima e quella al vento minima, è utile a mantenere costante la temperatura.
  • Evitare di far crescere piante ad alto fusto e chioma frondosa attorno all’impianto, per non creare ombra.

Grazie ad un buon sistema di riscaldamento e ad una gestione oculata della struttura, è possibile rendere più confortevole e sfruttare più a lungo la tua piscina senza sprechi e consumi eccessivi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *