Sicurezza in piscina: consigli e suggerimenti

pool-165929_640

Negli ultimi anni, per quanto riguarda le piscine private, il tema della sicurezza è stato trascurato e sottovalutato. L’argomento, invece, è di fondamentale importanza perché alla base del benessere e del divertimento, c’è sempre la tranquillità che niente di brutto possa accadere.

Per questo è importante rendere la tua piscina un ambiente sicuro e protetto.

Metti la tua piscina in sicurezza

La cosa migliore è pensarci al momento dell’istallazione, ma se non l’avessi fatto, ogni momento è buono per mettere la tua piscina in sicurezza.

Per le piscine private interrate o seminterrate, sono tre le principali tipologie di accessori che aiutano a rendere l’ambiente piscina un luogo protetto e ad evitare che, soprattutto, i più piccoli possano farsi male.

  1. Barriere di protezione, ringhiere e recinzioni: sono personalizzabili e possono essere costruite secondo la forma e la dimensione della piscina. Sono facilmente smontabili e a fine stagione possono essere rimosse e archiviate fino all’anno nuovo. Inoltre, sono provviste di un cancelletto che ne permette la chiusura e che impedisce l’accesso a bambini e animali domestici.
  2. Coperture: anche in questo caso servono per evitare che i bambini più piccoli, non ancora in grado di nuotare, possano finire per sbaglio in acqua. Esistono due tipi di coperture, quelle rigide in plexiglass, alluminio, o vetro e quelle morbide, costituite da resistenti teli in pvc rinforzato in grado di sostenere il passaggio di una persona adulta senza cedere.
  3. Allarmi: per le piscine, ormai, vengono progettati sofisticati sistemi di allarme, che circondano l’area desiderata senza bisogno di fili e che, una volta attivati, segnalano, tramite il suono di una sirena, chiunque ne attraversi il perimetro.

Rendere la tua piscina un ambiente sicuro e protetto, ti permetterà di poterti godere meglio i momenti di divertimento e relax! Se sei interessato, puoi rivolgerti al concessionario di Rete Piscine più vicino per un preventivo gratuito.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *